hotel rex
Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
hotel rex
hotel rex
LIVORNO E DINTORNI
Livorno in battello - Giro in battello dei Fossi Medicei
fortezza vecchia livorno
Itinerario 01
Tour dei fossi in battello
Livorno, affascinante e caratteristica città dove le tradizioni marinare si fondono con le culture del mediterraneo. Una passeggiata a pelo d’acqua per incontrare personaggi tipici che, tra aneddoti e curiosità, faranno rivivere le antiche atmosfere della vita marinara. A fine tour, nella piccola Venezia, un pranzo al sapor di cacciucco, tutto rigorosamente labronico. GUARDA IL VIDEO
Museo di Storia Naturale del Mediterraneo
Itinerario 02
La fortezza vecchia
La Fortezza Vecchia è una fortificazione che si erge a margine del Porto Mediceo di Livorno. Essa, frutto di rimaneggiamenti e ricostruzioni nel corso dei secoli, racchiude in sé l'intera storia della città, dalle origini fino ai giorni odierni.
Giovanni Fattori
Itinerario 03
Museo di storia naturale del mediterraneo
Il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno fu istituito nel 1929 sulla base del ricco materiale scientifico del Gabinetto di Storia Naturale dell'Istituto Tecnico "Amerigo Vespucci", raccolto tra il 1871 ed il 1909 da illustri naturalisti livornesi. Purtroppo durante i bombardamenti del 1944 il patrimonio naturalistico andò distrutto. Dopo la guerra il Museo fu trasferito presso l'Acquario Comunale e nel 1952 fu riaperto al pubblico. Nel 1980, finalmente il Museo viene trasferito nell'attuale sede di Villa Henderson, il cui edificio principale, completamente ristrutturato, ospita il cuore operativo dell'Istituto. Il Museo offre al visitatore sette percorsi espositivi organizzati su una superficie di circa 7000 mq.
Acquario di Livorno
Itineerario 04
Museo Civico Giovanni Fattori
Il Museo civico Giovanni Fattori è una struttura museale di Livorno; ha sede nella suggestiva cornice di Villa Mimbelli ed è stato inaugurato nel 1994 alla presenza dell'allora Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro.
Amedeo Modigliani
Itinerario 05
Acquario di Livorno
L'Acquario comunale Diacinto Cestoni sorge a Livorno, a margine del suggestivo scenario del lungomare e della Terrazza Mascagni. È il più grande acquario della Toscana ed è l’unica struttura nel suo genere ad avere al proprio interno un’area marina archeologica greco-romana con la suggestiva riproduzione di un relitto di nave.
hotel rex tour
Itinerario 06
Casa natale Amedeo Modigliani
La casa natale di Amedeo Modigliani si trova a Livorno, in via Roma numero 38, non distante dalla centrale piazza Attias. Qui, il 12 luglio 1884, nacque il celebre pittore labronico, quarto figlio di una famiglia appartenente alla numerosa comunità ebraica di Livorno. Si tratta di una semplice palazzina ottocentesca su tre piani fuori terra.
Santuario di Montenero Livorno Pellegrinaggio
Itinerario 07
Itinerari Mascagnani
Pietro Antonio Stefano Mascagni (Livorno, 7 dicembre 1863 – Roma, 2 agosto 1945) è stato un compositore e direttore d'orchestra italiano. Mascagni visse a cavallo tra Ottocento e Novecento, occupando un posto di rilievo nel panorama musicale dell'epoca, soprattutto grazie al successo immediato e popolare ottenuto nel 1890 con la sua prima opera, Cavalleria rusticana. Cavalleria fu la prima di altre 15 opere per cui Mascagni ebbe una popolarità planetaria, insieme a pochi altri compositori. Tuttavia, soprattutto al giorno d'oggi, solo alcune di esse sono entrate stabilmente in repertorio, come ad esempio l'Iris, che tocco' la ragguardevole cifra di 800 produzioni in meno di 120 anni di vita. Mascagni, inoltre, scrisse un'operetta, Sì, musica vocale, strumentale, nonché canzoni, romanze e composizioni per pianoforte. Compose anche musica sacra (ad esempio la bella Messa di Gloria), e fu il primo compositore italiano a scrivere per il cinema muto (Rapsodia Satanica, da Nino Oxilia). Da ultimo, non va dimenticato l'interessante esperimento di "The Eternal City", sorta di suite sinfonica, basata sulle musiche di scena del dramma omonimo, sulla scia degli analoghi lavori di Luigi Mancinelli (Cleopatra, Messalina).
Sinagoga di Livorno
Itinerario 08
Santuario di Montenero e funicolare
Il santuario della Madonna delle Grazie, assai più noto come santuario di Montenero, si erge sul colle di Monte Nero, a Livorno. Il complesso, elevato al rango di basilica e tenuto dai monaci vallombrosani, è consacrato alla Madonna delle Grazie di Montenero, patrona della Toscana; il santuario comprende anche una ricca galleria di ex voto e, all'estero, è preceduto dal famedio, il luogo di sepoltura riservato ad alcuni illustri livornesi.
hotel rex
Itinerario 09
Sinagoga e cultura ebraica
La sinagoga di Livorno sorge non lontano da piazza Grande, all'interno della città pentagonale del Buontalenti, nell'ampia piazza Benamozegh. Fu costruita su progetto dell'architetto Angelo Di Castro e completata nel 1962 sul luogo dall'antica sinagoga, parzialmente distrutta durante l'ultimo conflitto mondiale. È con Roma, Trieste e Genova, una delle sole quattro grandi sinagoghe del Novecento in Italia e l'unica ad essere edificata nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale.
hotel rex
Itinerario 10
Livorno e le città d'arte
La città di Livorno è situata in una posizione ottimale per chi vuole visitare le più importanti città d'arte della Toscana. Con un tempo di percorrenza che va dai 20 minuti all'ora e mezza si possono raggiungere tutti i luoghi di maggiore interesse quali: Pisa, Lucca, Firenze, Siena, San Gimignano, Volterra, Arezzo e le 5 terre.

GUARDA LA MAPPA

hotel rex
mappa
Itinerario 11
Bolgheri e la strada del vino
Bolgheri è una frazione del comune di Castagneto Carducci che si trova pochi chilometri a nord-ovest rispetto al capoluogo. Sorge al centro della Maremma Livornese, sulle ultime propaggini delle Colline Metallifere. Il caratteristico borgo si è sviluppato attorno al castello medievale (ampiamente rimaneggiato nel corso dei secoli) che sorge su una modesta altura raggiungibile attraverso il suggestivo Viale dei Cipressi, strada lunga quasi cinque chilometri che ha inizio a valle, sulla via Aurelia, proprio dinanzi al settecentesco Oratorio di San Guido: il luogo è stato reso celebre dai versi di Giosuè Carducci nella poesia Davanti a San Guido (1874). Inoltre, all'interno del paese è ubicato il cimitero monumentale dove fu sepolta la nonna dello stesso poeta, Lucia. Non distante dal nucleo abitato, su un'altura posta a quasi 400 metri sul livello del mare, sorge l'antico nucleo fortificato di Castiglioncello di Bolgheri, con la chiesa di San Bernardo. Bolgheri è famoso, oltre che per le caratteristiche storico-paesaggistiche, anche per i vini rossi che vengono prodotti nella zona. Grazie alle particolari caratteristiche del terreno e al microclima soleggiato, asciutto e moderatamente ventilato, si sono ben adattati nella zona vitigni di origine bordolese, quali il Cabernet franc, il Cabernet Sauvignon, il merlot e il petit verdot. Tra i più famosi ritroviamo il Sassicaia a base di cabernet sauvignon e cabernet franc (la storica fattoria sorge proprio di fronte all'Oratorio di San Guido), i numerosi vini della Tenuta dell'Ornellaia e della Tenuta Guado al Tasso. Vi sono inoltre rossi dalla denominazione "Bolgheri DOC", dove l'autoctono sangiovese si combina col cabernet, il merlot e, in alcuni casi, anche con il più esigente petit verdot.
hotel rex
Itinerario 12
Castiglioncello
Castiglioncello è una frazione di 3.901 abitanti del comune di Rosignano Marittimo, in provincia di Livorno. Situata in una posizione privilegiata dal punto di vista panoramico, lontana dalle grandi vie di comunicazione, è rimasta fino all’epoca moderna sconosciuta e incontaminata, con le sue lussureggianti pinete e le sue spettacolari scogliere a ridosso del mar Ligure. Da sempre ritrovo di cultura unita a relax e divertimento, Castiglioncello è divenuta celebre negli anni sessanta dello scorso secolo come meta di vacanza di importanti esponenti del mondo del cinema, come Alberto Sordi e Marcello Mastroianni. Ospitò in tale periodo anche il set del famosissimo film di Dino Risi Il sorpasso, con Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignant.
romito
Itinerario 13
La costa di Calafuria
La Costiera di Calafuria trova qui un altro motivo per raccogliere i consensi di chi desidera limitare invasioni e danni alla tranquillita’ di questi angoli di rara bellezza. Il castello di Sonnino e’ stato per molti anni di proprieta’ del barone Leone De Renzis; una cara persona che pagava una concessione alla Capitaneria per il porticciolo, dove scendeva in auto e da dove i pochi che arrivavano a nuoto o in barca si allontanavano educatamente finche’ l’auto non risaliva. Quando minacciava libeccio tante barche che non potevano essere tirate a riva trovavano rifugio nella darsena e De Renzis permetteva anche di passare in auto per accedere. LEGGI DI +
hotel rex webcam